Associazione Nazionale Alpini - Sezione di Verona

marted 20 febbraio 2018

Photogallery

gagliardetti ana verona

Sisma Centro Italia - raccolta fondi
Ass. Nazionale Alpini - Sezione di Verona
Pellegrinaggio a Scalorbi - 27 Agosto 2017
Giornata in Grigio Verde - Malga Lessinia 10 Settembre 2017
Giornata in Grigio Verde - Malga Lessinia 10 Settembre 2017
Giornata in Grigio Verde - Malga Lessinia 10 Settembre 2017
Giornata in Grigio Verde - Malga Lessinia 10 Settembre 2017
Giornata in Grigio Verde - Malga Lessinia 10 Settembre 2017
145° anniversario delle truppe alpine -
8 x 1000 alla solidarietà
1915 - 1918 Centenario della Grande Guerra



 






appuntamento con la Storia - Circolo Culturale "M. Balestrieri" Prof. Vittorio Bozzini

Lager1Il gruppo alpini di Lazise in collaborazione con il Circolo Culturale "M. Balestrieri" Sez. ANA di Verona, organizza per Sabato 6 Aprile alle ore 21.00 presso il Centro Giovanile Parrocchiale di Lazise (via Balladoro n.2), la proiezione in anteprima del documentario: " PRIGIONIERI ITALIANI: quelli che dalla Russia tornarono… dopo". La viva voce di Vittorio Bozzini racconta la sua odissea nei Campi di lavoro sovietici. Riepilogo del documentario :  La ritirata e il ferimento a Scororyb: primo calvario. La cattura dopo Nikolajewka. A ritroso verso il Don. La marcia del davai: secondo calvario.

 L’ultimo della colonna era Gesù crocifisso. Le generose donne sovietiche. Oltre il Don: Davidowka, la città dei morti. 25 aprile 1943: Pasqua di passione in tradotta verso il Circolo Polare Artico. A Pinjug e a Loino: tagliaboschi. Siamo numeri, numeri in sottrazione. Il secondo amaro Natale. In tradotta verso sud, a Taskent, nei campi di cotone dell’Uzbekistan. Le malattie: le cure amorevoli dell’infermiera sovietica. In tradotta verso la Siberia, nelle orride miniere di carbone di Borovoje (Novosibirsk). 50 gradi sottozero. Gallerie di carbone e “gallerie” di una umanità sofferente. La fame: pane, mio Dio, ho 23 anni! 1946: finalmente si torna a baita. Il lato positivo della sofferenza nei campi sovietici: a scuola, nelle istituzioni, nell’associazionismo. leggi la locandina